L’idea

La nostra cucina, un vero e proprio viaggio nella cultura gastronomica locale reinterpretata in chiave moderna grazie a nuovi metodi e tecnologie.

Un luogo perfetto per una romantica cena in riva al mare
o per un gustoso pranzo a base di pesce fresco.

Il Convivio del Miramare è un posto ottimo per fare un’esperienza gastronomica dedicata all’alta cucina,
con materie prime sempre fresche lavorate alla perfezione.

Non può mancare tra le proposte ad esempio lo storico cappon magro con la galletta del marinaio, tipico piatto della tradizione ligure, insieme alle preparazioni di pesce e alle originali ricette dello chef.

Ma anche la zuppa di pesce fresco in umido servita nella padella in rame, il pescato del giorno, i primi piatti a base del principe della cucina ligure, il pesto, con basilico rigorosamente locale, ma anche i pansoti tradizionali.

Per la pausa pranzo sono molte le proposte leggere, ma senza mai rinunciare al gusto.

Executive chef David Galantini

“La peculiarità della mia cucina è che faccio lavorare esclusivamente il prodotto, ci aggiungo la mia passione, le mie mani. Conoscenza del prodotto e sperimentazione per raggiungere l’equilibrio.

L’ordine della percezione dei prodotti in progressione. Sapori separati e riconoscibili. Come diceva Marchesi nel piatto devono esserci 3 cose: materia prima, sapori equilibrati, mano di chi lo prepara.”

La proposta è curata dall’Executive chef David Galantini e della sua nuova brigata.
Lo chef è stato per quattro volte vincitore del Premio “Mare in Tavola” e ha portato all’ambito riconoscimento della stella Michelin il ristorante Golden Palace di Torino, in qualità di Executive chef, e Hotel Ristorante Ambrosiano di Milano.
Chef dello storico ristorante del Milan AC L’Assassino di Milano dal 2004 al 2007, è stato anche chef di Palazzo Italia durante l’Expo 2015.

Un professionista a suo agio sia con la gastronomia innovativa che con la cucina tradizionale e regionale, nella quale le materie prime più semplici vengono lavorate e trasformate con tecnica e creatività, per raggiungere un equilibrio perfetto tra aroma e estetica.

SAPORI E AROMI BEN DEFINITI, PERCEPIBILI DISTINTAMENTE DURANTE L’ASSAGGIO, MA IN PERFETTO EQUILIBRIO TRA LORO.
QUESTO È IL RISULTATO DELLA CONOSCENZA E COMPETENZA TECNICA APPLICATA AL CIBO E ALLA SUA LAVORAZIONE.